Come ho creato un servizio prodottizzato partendo da consulenze WordPress

Daniele Besana

​Fondatore, WP-OK

10.000/mese

1 founder

5 persone

WP-OK

10.000/mese

1 founder

5 persone

Ciao! Chi sei e quale attività hai iniziato?

Ciao, sono Daniele Besana e sono il fondatore di WP-OK .

Offriamo supporto WordPress illimitato per chi fa sul serio , un altro modo di dire che aiutiamo professionisti e piccole aziende a concentrarsi sulle cose importanti mentre ci occupiamo dei loro siti web.

Siamo specializzati nella gestione di siti WordPress , che offriamo come abbonamento con tre diversi piani pensati per le esigenze di piccole aziende che vogliono un supporto professionale e risposte in 24 ore.

Dal prendersi cura della sicurezza e della manutenzione al supporto con richieste illimitati per continui interventi migliorativi, il nostro obiettivo è fornire il miglior supporto a chi sta portando avanti un progetto web.

Mi piace descrivere i nostri clienti come “seri” perché tutti hanno un approccio professionale nei confronti del loro progetto online e stanno cercando quel tipo di supporto che non avevano mai ricevuto prima.

La maggior parte di loro ha trovato WP-OK dopo una brutta esperienza: chi è partito con un approccio fai-da-te che e risultati mediocri, chi si era affidato a qualche ‘esperto’ che è scomparso nel nulla, chi ha lavorato con un’agenzia web che faceva pagare un sacco di soldi per ogni piccola richiesta – magari dopo settimane di attesa.

So per esperienza personale quanto sia difficile far crescere un business online e quanto sia facile mettere a repentaglio il duro lavoro a causa di un errore tecnico.

So anche quanto sia bello avere un business online, la libertà e l’entusiasmo che deriva dal lavorare su ciò che hai costruito.

Ecco perché ci rivolgiamo a persone “serie”!

WP-OK è nato nel 2015. Da allora è cresciuto fino a diventare un team di 4 esperti WordPress che ha risolto oltre 2800 ticket per più di 300 clienti.

Caccia al tesoro per le strade di Firenze, durante il nostro incontro annuale.

Qual è la tua storia e come ti è venuta in mente l’idea?

Ho sempre lavorato nell’informatica, risolvendo problemi tecnici per le piccole e grandi aziende.

Durante i miei 15 anni di carriera nel settore di reti e sicurezza informatica ho avuto la fortuna di aiutare molti tipi diversi di clienti: dalle piccole imprese familiari in Brianza (dove sono nato e cresciuto) alle multinazionali più grandi (viaggiando in Europa e Medio Oriente).

Nel 2012 mi sono ‘messo in proprio’, come si dice, alla ricerca di nuove sfide.

Dico sempre che è stata colpa della ‘crisi dei 30 anni’, e del libro 4 ore alla settimana di Tim Ferriss!

La mia idea iniziale era quella di comprare siti web esistenti, con già del traffico e guadagni, e lavorare per aumentarne i profitti.

Come spesso accade però, il piano originale non ha funzionato come immaginavo e presto mi sono ritrovato ad impazzire tra una moltitudine di piccoli progetti che generavano piccole entrate.

Un mio amico, consulente di WordPress, mi ha chiesto se volevo alcuni clienti … mi sembrava una cosa facile per me, che ho sempre lavorato nel supporto tecnico, così gli ho risposto di sì.

Facendo consulenze su WordPress mi sono reso conto che tante piccole e medie imprese, deluse da cattive esperienze di supporto, stanno perdendo tempo e denaro con i siti web che non funzionano bene.

Mi sono chiesto: perché non aiutare imprenditori e professionisti con un servizio di supporto efficiente e conveniente?

Ecco come è nato WP-OK 🙂

In primo luogo ho offerto l’abbonamento ai miei clienti esistenti, e questo è stato abbastanza facile perché già mi conoscevano e si fidavano di me.

Costruire un ingresso ricorrente mensile è stato bello. Qualche centinaio di euro al mese mi hanno dato la libertà di lasciare la costosa Amsterdam e raggiungere destinazioni più economiche quando volevo, il tutto affittando il mio appartamento quando ero in paesi come Tailandia, Argentina, Indonesia, i Balcani o i Baltici. Ero diventato un nomade digitale.

La sfida era raggiungere nuovi clienti.

Ho scelto di concentrarmi sul mercato italiano, lanciando il servizio con il marchio WP-OK e un approccio al supporto innovativo.

Parlaci del tuo processo di progettazione, prototipazione e produzione del tuo primo prodotto.

Seguendo Dan Norris e Brian Casel , entrambi evangelisti del modello di business del “servizio prodottizzato“, ho deciso di costruire il mio servizio come se fosse un prodotto.

Il corso online di Brian mi ha aiutato moltissimo a capire come modellare la mia idea.

In poche parole, immagina di acquistare biscotti in un negozio di alimentari e di ordinare una torta da un pasticcere.

Nel negozio di alimentari, vedi dei biscotti già pronti (la maggior parte delle persone adora il cioccolato), con un prezzo fisso trasparente e pronti all’acquisto.

Con il pasticcere l’approccio è differente: discuti su come vorresti che fosse la torta, chiedi il prezzo (un preventivo), magari negozi un po ‘, quindi fai il tuo ordine e aspetti che la torta sia pronta.

Due approcci diversi con dinamiche diverse, giusto?

Adoro l’approccio di servizio prodottizzato perché:

  • Posso scegliere cosa includere (e cosa non) nei nostri servizi;
  • Posso creare procedure e delegare i compiti ripetitivi;
  • Posso commercializzare i nostri servizi come soluzioni a problemi e non come consulenze.

Credo che questo sia il modo migliore per passare da libero professionista a imprenditore.

Non avevo bisogno di alcun investimento finanziario iniziale, ma il mio tempo e la mia esperienza precedente con il supporto e la consulenza su WordPress si sono rivelati molto preziosi nel definire ciò che è importante.

Ad esempio, sapevo per esperienza che i backup vengono spesso trascurati e come prevenire il malware mantenendo un sito web sicuro.

Ho creato tre piani di abbonamento pensando a tre buyer personas:

  • RELAX: per proteggere il sito web, pensato per i clienti che cercano tranquillità;
  • TOP: che include richieste illimitate, per i clienti che cercano miglioramenti continui;
  • VIP: con l’aggiunta di supporto telefonico e prioritario.

Qualcuno potrebbe obiettare che avere pacchetti predefiniti e fissi, piuttosto che discutere una soluzione ideale con ogni prospettiva, può allontanare i potenziali clienti.

Per me, questa è una cosa buona perché posso definire chi sono i miei clienti ideali e concentrarmi sulla costruzione del miglior servizio pensato per le loro esigenze .

Significa anche che non ho bisogno di scrivere preventivi ogni volta (qualcosa che personalmente non mi è mai piaciuto!).

Odio passare il mio tempo (non retribuito) a lavorare su una soluzione, preparare un preventivo sperando di farlo bene, inviare l’offerta e aspettare sperando in una risposta, che spesso non arriva neanche.

Ora le dinamiche sono invertite: il nostro servizio è ben definito e i prezzi sono fissi, se ti piace lo puoi acquistare online subito.

Descrivi il processo di lancio del business.

Il lancio di WP-OK è stato sicuramente insolito.

Stavo già fornendo il servizio ai clienti che conoscevo e continuavo a pensare di creare un brand dedicato a questo servizio.

Un giorno ricevo un’email da un podcaster italiano, che mi chiede un’intervista.

Vivendo all’estero, seguivo la scena internazionale di marketer e educatori in lingua inglese.

Non sapevo nulla della scena di internet marketing Italiana, così ho scoperto che questo podcast, ItalianIndie, aveva un grande seguito e stava intervistando imprenditori Italiani che lavorano online.

Ho colto al volo l’opportunità e ho letteralmente creato il sito web di WP-OK prima di registrare l’intervista.

Ho usato questa inaspettata esposizione mediatica per parlare di acquisto & vendita di siti web e per annunciare il mio nuovo servizio di supporto WordPress.

Ho anche offerto agli ascoltatori un check-up gratuito del proprio sito, qualcosa di cui mi sono pentito immediatamente quando sono stato inondato da dozzine di richieste!

Ma in tutto questo tumulto, ho ottenuto i miei primi clienti: imprenditori e piccole imprese online che necessitano di un aiuto professionale.

Questo è stato il mio ‘lancio’.

Ho imparato alcune lezioni:

  • Se ti ritrovi spesso a pensare a un progetto, provalo . Fidati dell’istinto.
  • I podcast sono un ottimo modo per essere scoperti. Gli ascoltatori sono disposti a sentire la tua storia e il tuo messaggio e la fiducia viene trasferita dall’autore all’ospite.
  • La tua storia personale , come fondatore, è molto importante. 
    Esercitati a dire cosa fai, per chi lo fai, perché lo fai e come lo fai. 
    Le persone si relazionano prima a te e solo successivamente alla tua azienda.

Dopo il lancio, cosa ha funzionato per attrarre e fidelizzare i clienti?

La prossima sfida era quella di raggiungere più aziende che necessitavano dei nostri servizi.

Ecco cosa ha funzionato per me:

Podcast

Dopo la prima intervista, ne sono seguite altre che mi hanno fatto conoscere nel mondo dei business online italiani.
Ecco quella col mitico Giulio Gaudiano, che poi è diventato mio amico, mentore e compagno di mastermind:

Com’eravamo giovani!

Apparire in un podcast è buono, ma apparire in più podcast è ottimo perché gli ascoltatori acquisiscono sempre più familiarità con te e la tua storia.
Ancora oggi quando vado ad eventi dal vivo incontro persone che mi hanno conosciuto grazie a queste interviste!

Google Ads

Tutti si lamentano del fatto che la pubblicità di Google costa cara, ma sono anche dannatamente efficaci quando raggiungi potenziali clienti quando cercano esattamente ciò che offri.

Ci sono voluti mesi per rendere redditizia la campagna, soprattutto perché nell’ambito di WordPress molte ricerche provengono da persone in cerca di soluzioni gratuite.

Due consigli per te:

  • Assumi uno specialista di Google Ads: un esperto può farti risparmiare denaro e anche assicurarsi che le cose vengano fatte bene: G-Ads è uno strumento complesso!
  • Pianifica un investimento di 6 mesi: è questo il tempo minimo necessario per ottimizzare una campagna a puntino.

Canale YouTube

Ho iniziato a fare video parlando di WordPress per le aziende. Fortunatamente non sono un perfezionista, quindi ho dato la priorità ai contenuti piuttosto che alla qualità dei video.

Il mio suggerimento qui è, ancora una volta, fallo e basta.

All’inizio sarà difficile, ma non c’è altro modo. Porta i tuoi contenuti là fuori, dove potrai raggiungere più persone.

I video, come i podcast, creano una relazione migliore rispetto agli articoli o in generale al contenuto scritto.

Chatbot Messenger

Ho iniziato con questa tecnologia abbastanza presto, e questo mi ha dato un vantaggio.

Ho creato un chatbot divertente che dà consigli su WordPress e racconta barzellette, e l’ho chiamato WOK.

È stato, per così dire, ben accolto ed è ancora il modo più efficace per raggiungere le persone con messaggi brevi, rapidi e diretti.

Puoi trovare WOK a questa pagina.

Il mio consiglio per chiunque utilizzi i chatbot di Messenger: sei in competizione per attirare l’attenzione di amici, fidanzati e parenti.

Non cercare di creare un copy perfetto per vendere il tuo servizio / prodotto. Cerca invece di creare emozioni e costruire empatia!

Quello che non ho fatto

Posso anche dirti cosa non ho fatto: non ho mai investito tempo sulla pagina o sui gruppi di Facebook.

E sono contento di non averlo fatto, perché non credo che le pagine di Facebook siano utili per le piccole imprese come la mia.

Sono stato anche lontano dai gruppi Facebook che parlavano di WordPress… sono pieni di sviluppatori che litigano tra di loro aiutando persone che cercano consigli gratuiti.

Attualmente sto spingendo sul SEO, principalmente utilizzando il content marketing. Avrei voluto iniziare prima a creare contenuti scritti, ma non avevo una strategia.

Con un consulente SEO l’anno scorso abbiamo fatto tre cose:

  • Un controllo SEO iniziale per correggere qualsiasi problema di SEO tecnica;
  • L’analisi delle parole chiave per identificare gli argomenti su cui concentrarsi;
  • Scritto 10 contenuti di alta qualità da espandere nel tempo.

Come va oggi e che previsioni hai per il futuro?

WP-OK è ancora una piccola attività ma sono contento della crescita lenta e costante, che ci permette di scalare mantenendo la qualità e il profitto.

Attualmente il fatturato è di circa €10,000/mese con un margine operativo del 25%, che probabilmente dovrei reinvestire nella crescita del business.

Ora siamo un team di cinque persone, di cui quattro esperti WordPress e un assistente alle vendite.

Mi piace mantenere l’organizzazione snella e ben organizzata, quindi utilizziamo consulenti esterni per l’amministrazione, la SEO, il copy, etc.

Come hai trovato collaboratori o risorse che ti hanno aiutato nel tuo progetto?

Man mano che l’azienda cresceva avevo l’esigenza di trovare collaboratori sempre più specializzati. Non so se capita solo a me, ma spesso i collaboratori li ho trovati per caso. O mi sono stati presentati per passaparola, o si sono candidati attraverso la nostra pagina Lavora per noi

Da quanto hai avviato l’attività, hai imparato qualcosa di particolarmente utile o vantaggioso?

Per celebrare i cinque anni da lavoratore autonomo scrissi questo articolo:

Le lezioni che ho condiviso allora sono ancora valide:

1. Pensa le persone

Non concentrarti sul numero di abbonati, follower, opt-in, conversioni … quando inizi tutto ruota attorno alla costruzione di relazioni con le persone.

2. Non pensare ai soldi

Ogni volta che ho fatto qualcosa per soldi, ho fallito.Ho sentito molte storie di persone di successo e posso dire che nessuno di loro era in cerca di soldi. Il denaro è un effetto collaterale. Qualcosa che accade quando stai offrendo valore, lavorando con passione e competenza.

3. Non basta leggere libri

I tuoi errori valgono più di 100 libri. I libri sono fantastici, ma alla fine devi affrontarli da solo e imparare dai tuoi errori.

4. Il passaparola è il miglior marketing

Quando ho iniziato il passaparola era il modo migliore per ottenere nuovi clienti.
L’obiettivo è sempre quello di ottenere la fiducia dei clienti. Non i loro soldi. Non i loro “grazie”. La fiducia è il legame più forte.

5. Crea una squadra

Il passaggio da “io” a “noi” è stato difficile per me, ma assolutamente indispensabile ed inevitabile per costruire un business.
Avrei dovuto iniziare prima: prima ti eserciti nell’assunzione, nella delega, e nella gestione, e meglio è.

A queste 5 lezioni ne aggiungo una che ho imparato più di recente.

6. Questione di mentalità

Più imprenditori di successo incontro, più capisco che la differenza tra me e loro non riguarda le conoscenze, gli strumenti utilizzati o i consigli ricevuti.

Riguarda la mentalità e il modo in cui prendono decisioni.

Quale piattaforma/strumenti utilizzi per il tuo business?

Come la maggior parte degli imprenditori online, mi piace testare nuovi strumenti e trovare modi per automatizzare i processi.

Ecco i miei strumenti preferiti in questo momento, cercando di evitare quelli più comuni per dare più valore ai lettori:

  • Integromat: pensa a Zapier ma molto meglio. Potrebbe volerci un po’ per impararlo, ma le automazioni che gestisce mi mettono un grand sorriso in faccia;
  • ActiveCampaign: dopo aver perso tempo con Aweber e Mailchimp, utilizzo finalmente uno strumento serio di email marketing;
  • Revue: credo che le newsletter con contenuti selezionati siano ancora molto preziose ed efficaci. Questo semplice strumento fa proprio questo: ti aiuta a creare una bella newsletter in pochi minuti con il contenuto che desideri;
  • StreakCRM: il CRM può essere roba complicata. Sono un ragazzo pratico e Streak si integra in Gmail aggiungendo le funzionalità di CRM di cui avevo bisogno. Se stai cercando qualcosa di semplice ed efficace, dagli un’occhiata!

Quali sono stati i libri, podcast o altre risorse più influenti?

Cito due libri:

  • 4 ore alla settimana: come già detto, questo libro mi ha aperto gli occhi e mi ha ispirato. Non tutto ciò che è scritto in questo libro è valido o condivisibile, ma era il libro giusto al momento giusto per me.
  • Your Money or Your Life: questo libro è degli anni ’80 ma è ancora molto rilevante. Ha cambiato il mio rapporto con il denaro e mi ha permesso di abbracciare una fase frugale della mia vita che ha enormemente aiutato la mia situazione finanziaria.

Per quanto riguarda i podcast:

  • Strategia Digitale di Giulio Gaudiano è sempre piacevole e ricco di spunti;
  • Bootstrapped Web: Brian e Jordan stanno condividendo il loro viaggio imprenditoriale e per me sono come fratelli maggiori.
  • Pat Flynn: ho smesso di ascoltare il suo podcast, ma è stata un’ottima fonte di informazioni per iniziare.

Consigli per altri imprenditori che vogliono iniziare o stanno appena iniziando?

Ho già sparso diversi consigli in questa intervista…. quello più importante è fallo e basta.
Non aspettare che i tempi siano maturi, che tutto sia perfetto, che tu ti senta pronto, o altre cazzate simili.

Inizia subito e smettila di perdere tempo!

Stai cercando di assumere qualcuno in questo momento?

Trovi le posizioni aperte a questa pagina:

Dove possiamo andare per saperne di più?

E soprattutto segui il podcast che faccio insieme a Marco Gatti: diario di due imprenditori digitali.

Se hai commenti o domande, scrivi pure qui sotto!

Condividi questa storia sui social

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter